logo_anupi_sanita
logo_anupi_educazione

La collaborazione con la Casa editrice Erickson

logo-erickson

 

Dalla collaborazione con la casa Editrice Erickson è nata la collana "Strumenti di Neuro e Psicomotricità"  

patrocinata da ANUPI e diretta da:

- Fabio Comunello (Università di Padova)

- Paola Maria Savini (TNPEE Ulss 3 Bassano del Grappa)

La collana raccoglie in tutto 4 testi che presentano l'approccio psicomotorio e neuropsicomotorio.

corpo_e_mente_in_psicomotricita

 

Corpo e mente in psicomotricità

Pensare l'azione in educazione e terapia

Eraldo Berti, Fabio Comunello

 

Dopo anni di dibattiti e confronti, la psicomotricità è entrata nel novero delle professioni sanitarie riconosciute, con un proprio corso di laurea: «Terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva».

Sulla base di questa importante evoluzione nasce questa nuova collana, dedicata agli strumenti che i terapisti utilizzano nella pratica psicomotoria. Il primo volume, di carattere introduttivo rispetto alla materia, propone una riflessione sui temi e sulle teorie alla base della psicomotricità sia in ambito educativo che terapeutico. Prende in considerazione la relazione tra la psicomotricità e i principali cardini su cui si basa la pratica psicomotoria: corpo, intersoggettività, azione, osservazione e narrazione.

Contenuti: Fra soggettività e oggettività: La pratica psicomotoria ha evidenza scientifica?; Che cos’è scienza? • Corpo e mente: Problemi generali; Corpo e psicomotricità • L’intersoggettività: Intersoggettività e relazione precoce; Intersoggettività e psicomotricità • L’azione: Azione e movimento; Intenzione e scopo; Azione ed emozione; I modi dell’azione; La costruzione dell’azione interattiva; Azione e simbolo • L’osservazione: Principi generali; Tipi e strumenti di osservazione; L’osservazione partecipante; L’osservazione in differita; L’osservazione dell’osservatore • La narrazione: La struttura della narrazione; Le origini della narrazione; Narrazione e psicomotricità

movimento_e_gioco_al_nido

 

Movimento e gioco al nido

Proposte di interazioni sensibili con bambini da 0 a 3 anni

Ferruccio Cartacci

 

La ricerca ha ampiamente accertato che la matrice del pensiero, del linguaggio e l’impronta relazionale vanno rintracciate nell’esperienza originaria e preverbale del bambino nei primi tre anni di vita, tanto che le recenti acquisizioni della psicologia parlano di mente incorporata, radicata nell’esperienza del corpo ed elaborata nel tessuto delle relazioni umane.

In questo volume, nato dall’esperienza di ANUPI (Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva Italiani), l’autore inquadra la centralità e le potenzialità del corpo (gioco, movimento, gesto, sguardo, ecc.) come prima dimensione dell’essere psichico ed elemento essenziale nella costruzione del Sé, delineando i processi attraverso i quali si dipana l’esperienza corporea del bambino, a partire dalla relazione/diade primaria con la madre.

Il testo si rivolge a educatori di nido, psicomotricisti e terapisti,  ma anche a chi opera nel sostegno alla genitorialità nella fascia 0-3 anni. Integra in una lettura psicomotoria apporti scientifici e osservazioni concrete, offrendo il modello di un adulto che non anticipa, sovrastimola o si sovrappone al bambino, ma che, con profonda consapevolezza e attenzione, sa stare in ascolto e sintonizzarsi con lui in un dialogo fatto di rispecchiamenti e trasformazioni, dentro contesti e contenitori sicuri e facilitanti. 

Contenuti: Prefazione (Ivano Gamelli) Introduzione PRIMA PARTE - Vita al nido L’approccio psicomotorio al nido • Nella sezione dei piccoli (4-12 mesi) • Nella sezione dei medi (12-30 mesi) e dei grandi (24-36 mesi) • I laboratori • Il gruppo • Pappa, nanna e igiene personale Adulti di fronte • I compiti educativi • Cultura pedagogica al nido • Bambini sicuri oggi Bambini in cerca d’ascolto • Sguardi per ascoltare • Stefano, Gloria, Licia, Mattia e Giovanni SECONDA PARTE - Ricerca 0-3 anni Prime interazioni • Il movimento e poi… • L’evento nascita • Intersoggettività • Regolazione • Esperienza implicita • Sistema emotivo Il gioco di crescere • La dinamica dello sviluppo • 0-2 mesi: armonie musicali • 2-6 mesi: come un sistema solare • 6-12 mesi: paesaggi interiori e avventura • 12-24 mesi: una finestra sul mondo • 24-36 mesi e oltre: alla conquista del potere TERZA PARTE - Prendersi cura La terapia dell’esperienza • Rispecchiamento imperfetto • Gli adulti e la cura Formazione tra corpo e parola Non solo clown • I saperi del corpo

autismo_e_psicomotricita

 

Autismo e psicomotricità

Strumenti e prove di efficacia nell’intervento neuro e psicomotorio precoce

Giovanna Gison, Andrea Bonifacio, Ermelinda Minghelli

 

Il volume, rivolto a psicomotricisti che lavorano con bambini dai 18-24 mesi ai 4-5 anni, espone i principi e le caratteristiche generali del modello OPeN (modello di intervento integrato in Ottica Psicomotoria e Neuropsicologica per i disturbi dello spettro autistico). Si tratta di un intervento integrato che coniuga procedure orientate a favorire un ruolo attivo di tutti i soggetti coinvolti nel processo di accompagnamento e di cura, dalle fasi più precoci di vita alla tarda adolescenza. Una metodologia di intervento innovativa, elaborata e sperimentata dagli autori.

Dopo una descrizione puntuale delle caratteristiche e delle criticità degli autismi, gli autori passano in rassegna le migliori strategie e strumenti per realizzare un intervento psicomotorio con bambini con autismo utilizzando il modello OPeN. Gli autori ne descrivono i fondamenti teorici e le possibili applicazioni pratiche, dando ampio spazio alla presentazione di esempi clinici.

In appendice sono presentate le schede di valutazione e altri strumenti da utilizzare per realizzare un intervento con il modello OPeN, oltre a uno studio dedicato alla verifica dell’efficacia dell’intervento neuropsicomotorio nei disturbi dello spettro autistico.

Contenuti: – I disturbi dello spettro autistico: definizione, inquadramento diagnostico e criticità – L’intervento in ottica psicomotoria e neuropsicologica in età precoce: modello OPeN – Scheda di Osservazione/valutazione Neuropsicomotoria: dall’osservazione dei punti di forza all’individuazione degli obiettivi terapeutici – Il modello OPeN: procedure applicative attraverso esempi clinici – L’intervento mediato dai genitori – Interazione e integrazione tra progetto educativo e progetto terapeutico – Il sistema di attitudine dell’adulto che incontra il bambino – Appendice 1: Strumenti operativi del modello OPeN – Appendice 2: La Scheda di Osservazione/valutazione Neuropsicomotoria (SON) per valutare l'efficacia del trattamento neuropsicomotorio nei disturbi dello spettro autistico – Appendice 3: Diario del linguaggio; Foglio di annotazione delle capacità di comprensione

il_gioco_nello_sviluppo_e_nella_terapia_psicomotoria

 

Il gioco nello sviluppo e nella terapia psicomotoria

Claudio Ambrosini, Simona Pellegatta

 

n questo libro, il secondo della collana Strumenti di neuro e psicomotricità, patrocinata da ANUPI ((Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva Italiani), gli autori si concentrano sul gioco come strumento da utilizzare per favorire lo sviluppo psicomotorio dei bambini e come mezzo da sfruttare nella terapia psicomotoria.

Dopo un’introduzione sul significato del gioco e sui diversi modi di concepire il momento ludico, gli autori presentano due ricerche che dimostrano come un ambiente psicomotorio costruito e condotto da uno psicomotricista garantisca lo sviluppo psicomotorio da 1 a 7 anni sfruttando un clima ludico coinvolgente e positivo per i bambini.

L’ultima parte raccoglie esempi di attività da svolgere con i bambini, in gruppi o singolarmente.

Il libro è disponibile anche come e-book in versione epub.

Contenuti: Introduzione CAPITOLO 1 La ruota del gioco CAPITOLO 2 Il bambino e l’adulto CAPITOLO 3 Classificazioni del gioco infantile • Caratteristiche e confi ni del territorio ludico • Finalità del gioco nello sviluppo del bambino e suo funzionamento • Dinamiche e circuiti del gioco: la complessa struttura del gioco • La struttura ludica e gli impulsi essenziali del gioco • Contenuto e orientazione: sinergie • Movente ed equilibrio CAPITOLO 4 Gioco e sviluppo psicomotorio • Genesi del gioco • Primo stadio (14-18/20 mesi) • Secondo stadio (18/20-26/28 mesi) • Terzo stadio (26/28-36/40 mesi) • Evoluzione del gioco CAPITOLO 5 Gioco e terapia psicomotoria • Il gioco nell’intervento psicomotorio • Storie CAPITOLO 6 Formazione corporea ludica per gli operatori • Il laboratorio ludico • Considerazioni sul laboratorio di gioco CAPITOLO 7 Struttura ludica e impulsi essenziali del gioco CAPITOLO 8 Categorie ludiche. Esempi di applicazione • Contenuto • Orientazione • Movente CAPITOLO 9 Proposte pratiche per l’attività ludica

psicomotricita_educazione_prevenzione

 

Psicomotricità. Educazione e prevenzione

La progettazione in ambito socioeducativo

Luisa Formenti (a cura di) Testi di:  Claudio Buccheri, Ferruccio Cartacci, Donata Castiello, Anton Maria Chiossone, Patrizia Coppa, Luisa Formenti, Andrea Giammarco, Paola Manuzzi, Giuseppe Nicolodi e Maria Piscitello

 

Qual è il modo migliore per gli psicomotricisti di rapportarsi alle diverse realtà socioeducative? Come si possono realizzare attività psicomotorie in un contesto scolastico? Questo libro è una vera e propria guida alla progettazione di percorsi per sviluppare le abilità psicomotorie in bambini dai 3 agli 8 anni. Oltre a presentare i concetti fondamentali della psicomotricità e dell'intervento educativo-preventivo, propone alcune riflessioni orientative e diversi strumenti di lavoro da cui gli psicomotricisti, i docenti e il personale educativo potranno trarre ampiamente spunto. Il testo vuole sostenere lo sviluppo di una cultura psicomotoria diffusa, che operi a favore del benessere dell'infanzia, ma anche degli adulti che l'accompagnano nel suo cammino di crescita, riconoscendone e valorizzandone la dimensione espressiva più profonda: quella del corpo in gioco. I suggerimenti per la progettazione di un percorso educativo e preventivo sono inoltre accompagnati e completati da parametri di qualità e strumenti operativi di progettazione e verifica. Il libro è stato realizzato dal Gruppo Nazionale ANUPI per la Progettazione e la Ricerca in ambito socio-educativo. Gli Autori, membri dell'Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti Italiani, si occupano di psicomotricità, educazione e prevenzione, all'interno dei diversi livelli formativi della realtà italiana: nido, scuola dell'infanzia, scuola primaria ed università. 

CONTENUTI

Presentazione (Andrea Bonifacio) Prefazione "Dialogo con Andrea Canevaro" (a cura di Luisa Formenti). Introduzione (Giuseppe Nicolodi)
Un percorso di definizione (Maria Piscitello, Luisa Formenti, Anton Maria Chiossone); Educare oggi (Ferruccio Cartacci, Paola Manuzzi)
Il gioco (Paola Manuzzi, Giuseppe Nicolodi); La costruzione del progetto (Patrizia Coppa, Donata Castiello, Luisa Formenti)
La posizione dello psicomotricista nella relazione con il contesto (Claudio Buccheri, Andrea Giammarco, Patrizia Coppa); Postfazione (Paola Manuzzi)
Bibliografia ragionata (a cura di Claudio Buccheri)

psicomotricita_a_scuola

 

Psicomotricità a scuola

Promozione del benessere personale e relazionale

Luisa Formenti

 

Nato dalla vasta esperienza dell'autrice, questo libro propone la realizzazione di percorsi di psicomotricità per bambini della scuola dell'infanzia e della primaria, corredando il testo di numerose immagini a colori ed esempi concreti. La descrizione delle attività è preceduta da un'introduzione sui principi cardine della psicomotricità e sulla sua importanza all'interno della proposta curricolare rivolta all'infanzia. L'autrice illustra un progetto che offre non solo percorsi psicomotori per i bambini, ma anche momenti di osservazione, consulenza e formazione per gli insegnanti, nella prospettiva di una scuola che intende dare spazio al mondo interiore dei bambini e delle bambine, riconoscendo e valorizzando le loro specifiche modalità di espressione e comunicazione: l'azione, l'interazione e il gioco.

CONTENUTI 

Presentazione (Andrea Bonifacio) Introduzione
La psicomotricità nella scuola; Gli elementi del progetto psicomotorio; La dimensione grippale; L'evoluzione individuale nel percorso di gruppo
Allegati Strumenti per la progettazione, l'osservazione, la valutazione e la ricerca
La progettazione del percorso psicomotorio; L'osservazione del percorso psicomotorio; La verifica e la valutazione dei risultati
Appendice Il progetto AGIO a Bologna
L'attività psicomotoria nelle scuole d'infanzia bolognesi (Gabriele Ventura); Il problema dell'AGIO e del disagio in educazione (Giuseppe Nicolodi)
Lo sguardo e le parole (Paola Vassuri); Il gioco dei bambini e il ruolo degli adulti (Giuseppe Nicolodi); Gli spazi, gli oggetti, gli altri: un percorso condiviso (Claudia Fazzioli e Graziana Ferlini).

psicomotricita_acqua

 

Psicomotricità in acqua

Percorso educativo e terapeutico

 
 
La psicomotricità in acqua è un'attività particolarmente adatta a bambini disabili, poiché l'acqua è un elemento facilitante, il contesto ideale per andare oltre i propri limiti, sia fisici che psicologici. L'autrice presenta in questo libro un programma di acquaticità nato dalla sua pluriennale esperienza rivolto a psicomotricisti, insegnanti e educatori che lavorano con bambini con disabilità motorie. La prima parte a carattere teorico presenta le caratteristiche psicodinamiche dell'acqua e il simbolismo legato ad essa. Nella seconda si analizzano nello specifico gli obiettivi, la strutturazione dell'intervento e la metodologia, dando ampio spazio all'aspetto relazionale, sensoriale, funzionale e ai bisogni del bambino disabile che vengono soddisfatti dall'acqua. L'ultima parte dell'opera è interamente dedicata ad «Acquaticità e integrazione», un progetto per l'integrazione dei bambini disabili in piscina, che viene descritto in tutti i passaggi della realizzazione e della conduzione, proponendosi come valido spunto metodologico.
 
Rivolto a 
Insegnante curriculare; Psicomotricista; Insegnante curriculare; Insegnante di sostegno; Educatore professionale; Genitore; Terapista nella neuro e psicomotricità dell'età evolutiva
 
CONTENUTI 

Prefazione (a cura di André Lapierre); Introduzione
Un viaggio simbolico; Le caratteristiche dell'acqua; L'attività in acqua è... Acqua come esperienza globale ludica; L'acqua come strumento riabilitativo
L'acqua come attività sportiva; Il progetto «Acquaticità e integrazione»; APPENDICE Testimonianze e messaggi dei bambini; Bibliografia

Tags Simili

Edizioni Centro Studi Erickson

 

logo-erickson

 

ANUPI TNPEE è su Facebook

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti sul tuo profilo Facebook? Clicca qui …

 

ANUPI Educazione è su Facebook

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti sul tuo profilo Facebook? Clicca qui …

 

Go to top