TERAPIA

La valutazione neuropsicomotoria dei disturbi della coordinazione motoria
di  Danila Siravegna


Per «schema d’azione» intendiamo una «struttura cognitiva» che comprende un complesso sistema di movimenti coordinati nel tempo e nello spazio, in relazione a uno scopo, adattabile e modificabile. In tale prospettiva movimenti, schemi motori e rapporti fisici con gli oggetti risultano strettamente correlati alla conoscenza e alla logica mentale, permettendo di elaborare nessi importanti per la costruzione del reale. Secondo quest’ottica, non possiamo prescindere da un approccio metodologico che tenga conto di tutta la complessità del problema e di tutte le componenti e sottocomponenti che concorrono a costruire l’atto motorio. Pertanto, il Terapista della Neuropsicomotricità dell’Età Evolutiva, sia in fase diagnostica che nella progettazione terapeutica, dovrà possedere uno strumento analitico e particolareggiato, al fine di poter «misurare» e definire con precisione il profilo neuropsicomotorio e dell’organizzazione prassica di quel bambino.

Nell’articolo verranno illustrate le principali fasi dell’osservazione neuropsicomotoria e la relativa scheda di valutazione, attraverso l’analisi delle competenze di base e di quelle specifiche, tenendo conto di tutte le componenti centrali e periferiche dell’atto prassico.

This article defines «action pattern» as a «cognitive structure» that includes a complex system of coordinated movements in time and space, that has an objective, and that is adaptable and modifiable. Movements, motor patterns and the physical relation to objects are all closely correlated to knowledge and mental logic from this perspective, and allow for important connections to occur when constructing reality. Method must therefore consider such a complexity and all of the components and subcomponents that make up a motor act. For this reason the developmental neuropsychomotor therapist must possess a detailed analytical procedure during diagnosis and therapeutical planning, in order to be able to «measure» and define a precise neuropsychomotor profile and the child’s specific praxis organization. The article presents the main parts of a neuropsychomotor observation and its related observation form in which basic and specific abilities are analysed while considering all of the central and peripheral components making up praxis.